A volte mi piace coccolare i miei ospiti con un dolce fatto in casa.
Preparare qualcosa con le proprie mani, con materie prime locali e tanto amore dà tutto un altro sapore a quello che viene portato in tavola, non credete?
Non è detto che il dolce mi venga bene, però sono sempre certa che mi resterà l’effetto terapeutico della preparazione e il buon profumo in casa.
Quando non ho voglia di infornare, mi diverto a fare i pancakes.

Prima di passare alla ricetta vi svelo cosa li rendono speciali.

Gli ingredienti svolgono un ruolo fondamentale!
Ecco cosa rende più etici e sani i pancakes dell’Albero: prima di tutto evito di usare la farina 00, ricca di glutine, che è una vera colla per lo stomaco e la sostituisco con una farina di grano tenero meno raffinata; sostituisco il lievito per dolci comune (che io sento molto chimico) con un pizzico di bicarbonato, invece dello zucchero bianco uso zucchero di canna integrale e l’unico uovo viene da galline felici.
Sostituisco il burro con olio di semi o EVO bio, perchè il burro, una volta cotto, non è consigliabile.
Dove mi procuro gli ingredienti? Nei negozi del Commercio equo e solidale e in piccoli negozi alimentari che sostengono filiere locali o direttamente dai contadini.
Insomma, mi piace coccolare i miei ospiti ma resto fedele ai miei principi!

RICETTA

Ingredienti:
200 gr farina di grano tenero
1 cucchiaino di zucchero di canna
1 uovo
1 pizzico di sale
1 pizzico di cannella
1 cucchiaino di olio di semi o EVO bio
1 cucchiaino di yogurt
1 cucchiaino di buccia grattugiata di limone bio
1 pizzico di bicarbonato

Eccoci, cominciamo!

Apriamo l’uovo in una ciotola, aggiungiamo un pizzico di sale e lo zucchero, sbattiamo il tutto a mano con una frusta o una forchetta rendendolo più schiumoso possibile; dopo circa 5 minuti aggiungiamo l’olio e poi la farina setacciata, continuando a sbattere. Si creerà un composto molto compatto, a questo punto versiamo acqua o latte un po’ alla volta finchè non diventa cremoso, senza smettere di mescolare gli ingredienti. Aggiungiamo la cannella e la buccia di limone. Alla fine aggiungiamo il bicarbonato e lo yogurt, giriamo ancora un po’ con delicatezza e aspettiamo pochissimi minuti. Nella padella spargiamo con un tovagliolo un lieve strato di olio, la lasciamo scaldare molto bene e a quel punto versiamo piano il composto facendo dei dischi di circa 10 cm di diametro! Appena la parte inferiore diventa dorata e croccante e su quella superiore compaiono delle bolle giriamo il pancake. Dopo pochi minuti saranno pronti da servire con miele, marmellata o frutta fresca.
Grazie a Terje, che era qui dall’Estonia per l’Erasmus, ho imparato ad utilizzare bicarbonato e yogurt che fanno lievitare l’impasto. Attenzione però, la reazione non dura più di 15 minuti quindi l’impasto va cotto poco dopo aver aggiunto questi ingredienti.
Ricorda che utilizzare ingredienti che provengono da un circuito consapevole alimenta un’economia attenta all’ambiente, alle persone e agli animali e rende i tuoi piatti più speciali.
Buona colazione a tutti!